fbpx
formazione cinofila riconosciuta

SISTEMA NAZIONALE DELLE QUALIFICHE SPORTIVE


Il Sistema Nazionale delle Qualifiche dei Tecnici Sportivi intende rappresentare il modello generale di riferimento per il conseguimento delle qualifiche degli operatori sportivi, e in modo particolare per quanto attiene alla formazione dei tecnici delle Federazioni Sportive Nazionali (FSN) e delle Discipline Sportive Associate (DSA), visto il notevole sviluppo che ha avuto il settore. Il sistema intende anche costituire un riferimento per la formazione delle figure tecniche che operano nell’ambito degli Enti di Promozione Sportiva.


QUALITÀ OMOGENEITÀ COMPATIBILITÀ

Lo SNaQ fornisce le coordinate essenziali per un sistema di qualifiche e, conseguentemente, di formazione degli operatori sportivi con le seguenti caratteristiche:
– omogeneità tendenziale per tutte le discipline sportive (nel rispetto delle loro specificità) all’interno del sistema CONI-FSN-DSA;
– omogeneità su tutto il territorio nazionale;
– possibilità di adattamenti specifici alle caratteristiche di ciascun profilo offerto;
– alta compatibilità con le tendenze europee e con l’esigenza di riconoscimento delle qualifiche a livello comunitario;
– articolazione per livelli, fondata sui compiti effettivi svolti dagli operatori sul campo;
– effettiva capacità di integrare la pratica nel processo formativo;
– apertura a collaborazioni con una vasta gamma di agenzie formative nel quadro di alleanze qualificate;
– elevata qualità (di risultati e di processo).

OPES è uno degli EPS riconosciuti dal CONI che aderisce allo SNAQ.

 

Una qualifica equivale ad una certificazione formale di competenza, rispetto a precisi standard di riferimento, da parte delle autorità preposte.
Essa può essere acquisita in uno o più dei seguenti modi:
– un percorso formale o la combinazione di percorsi formativi diversi;
– il riconoscimento di apprendimenti (formali, ma anche non formali e informali) ed esperienze precedenti;
– il riconoscimento di una qualifica conseguita all’estero.
L’identificazione e la valutazione delle competenze e del contesto in cui vengono espresse è cruciale per la definizione dei percorsi di formazione. Perché ciò avvenga è indispensabile partire dall’analisi delle esigenze professionali per arrivare alla costruzione del curriculum.
Volendo tracciare un quadro omogeneo e parallelo a quello utilizzato dal CONI per gli “allenatori” potremmo definire nel settore della cinotecnica le seguenti figure di riferimento:

Formatore Cinofilo
50 Crediti formativi richiesti
Istruttore Tecnico Cinofilo
30 Crediti formativi richiesti
Educatore Cinofilo Livello Avanzato
20 Crediti formativi richiesti
Educatore Cinofilo Livello Base
10 Crediti formativi richiesti

IL SISTEMA DI CALCOLO DEI CREDITI FORMATIVI

Il modello che è stato utilizzato nello SNaQ assegna a ciascun punto credito 24 ore medie di carico di lavoro. Ogni unità didattica o unità esperienziale, potrà comprendere crediti conseguibili attraverso le seguenti modalità didattiche:

Complessivamente, per ottenere la qualifica i tecnici dovranno ottenere un certo numero di unità esperenziali che corrisponderanno ai crediti relativi alle abilità individuali, che sono prevalentemente legate all’attività professionale, mentre, per la parte relativa alle conoscenze, i tecnici dovranno svolgere un certo numero di unità didattiche che corrisponderanno ai crediti relativi alle attività di guidate da un docente e allo studio personale.

X