Agility Dog

Agility

Nazionale

Nascita ed evoluzione

L’agility dog nacque nel 1977, dalla proposta fatta a Peter Meanwell di organizzare uno spettacolo originale all’interno del Crufts Show di Londra, la più grande manifestazione cinofila al mondo. Lo spettacolo riscosse un enorme successo, tanto che l’anno successivo fu emesso un regolamento per le prime gare ufficiali. Partito dalla Gran Bretagna, si diffuse rapidamente in tutta Europa a partire dai paesi del nord e in Italia esordì nel 1988, l’ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) due anni più tardi pubblicò il primo regolamento nazionale, che fu successivamente adeguato a quello internazionale della FCI (Federation Cynologique Internationale), ebbero dunque inizio le prime gare organizzate in Italia.

Regolamento:

Durante gli anni la disciplina dell’agility dog si diffonde sempre più, al punto che oggi sono numerosissimi gli appassionati che la praticano e gli atleti nazionali che hanno negli anni ottenuto il titolo di campioni del mondo di agility.

L’Agility è una disciplina cinofilo-sportiva che coinvolge uomo e cane in un binomio affiatato che affronta delle gare ad ostacoli ispirate ai concorsi ippici, le quali si svolgono su percorsi diversi e di varie difficoltà e livelli, “disegnati” dai giudici, che mettono alla prova conduttore e cane, sia dal punto di vista fisico che emotivo che di preparazione tecnica.

Ostacoli

Salti (singolo, doppio, lungo, muro)

Ostacoli con zone di contatto (passerella, palizzata, bascula, tavolo)

Ostacoli di penetrazione (tunnel rigido, tunnel morbido, ruota, slalom)

Regolamento:    

Gli aspetti che dimostrano la preparazione del cane e la capacità di un conduttore sono: precisione, velocità ed affiatamento, sotto il profilo della capacità di comunicazione/comprensione e capacità di apprendimento del cane, a questo si aggiungono le tecniche di conduzione più efficaci ed altre caratteristiche quali la tempestività e la chiarezza dei comandi trasmessi.

Il percorso per essere portato a termine in modo corretto, deve essere compiuto entro il tempo fissato dal giudice ad inizio gara (TPS Tempo di Percorso Standard) e possibilmente senza penalità (rifiuti, abbattimento di ostacoli, mancato contatto sulle “zone di contatto”, ecc.).

L’agility è dunque uno sport ma soprattutto una meravigliosa occasione per stringere un rapporto solido e duraturo con il proprio cane, formando una coppia che si diverte e collabora in simbiosi. E’ aperto a tutti i cani (con o senza pedigree) e non pone limiti a cani o a conduttori, purché le condizioni fisiche lo permettano.

Gli allenamenti non prevedono metodi coercitivi ma si lavora in modo gentile e propositivo, utilizzando come strumento il gioco, il cibo e la gratifica verbale o fisica, gli errori vengono corretti immediatamente (in quanto il cane impara i comportamenti corretti ma altrettanto quelli non corretti) impostando delle regole fin dall’ingresso in campo.

Sono previste 4 tipologie di prove, organizzate nel seguente ordine:

  1. Giro di allenamento (giro di Agility fuori classifica, tempo massimo a disposizione: TPM)
  2. Competizione: AGILITY (easy ed expert oppure open)
  3. Competizione: JUMPING (easy ed expert oppure open)
  4. Competizione: GAMES a scelta dell’organizzatore tra:

Tunnel cup o KO o Staffetta

Nella prova OPEN, il giudice ha la facoltà di scegliere un percorso di Jumping o Agility.

Per il regolamento completo clicca qui

Sono previste le seguenti categorie legate al binomio:

  • EASY (debuttanti e 1° brevetto)
  • EXPERT (2° e 3° brevetto)
  • JUNIORES A (6-10 anni)
  • JUNIORES B (11-17 anni)
  • OVER (categoria facoltativa per conduttori dai 55 anni di età)

Per il regolamento completo clicca qui

  •  Small 300 altezza al garrese fino a 35 cm altezza stecche 30 cm
  • Medium 400 altezza al garrese da 35.1 cm fino a 43 cm altezza stecche 40 cm
  • Large 500 altezza al garrese da 43.1 cm fino a 50 cm altezza stecche 50 cm
  • Maxi 600 altezza al garrese oltre i 50.1 cm altezza stecche 60 cm

Per il regolamento completo clicca qui

Per potersi candidare ad ospitare una gara i Centri cinofili dovranno:
• essere affiliati OPES non solo nel momento in cui inoltrano la richiesta (o in sede di pianificazione) ma anche in quello in cui la gara si svolgerà;
• disporre di un campo di gara idoneo, le cui dimensioni minime sono indicate nel presente Regolamento;

• disporre dell’attrezzatura di gara;
• disporre di tutta l’attrezzatura per la gestione della Segreteria e dell’organizzazione dell’evento (cartelli, cronometri, tabelloni classifiche, ecc.);
• l’organizzazione di una Segreteria di gara che gestirà la ricezione delle domande di iscrizione, l’inserimento dei dati nei software di gestione dei risultati della gara e la trasmissione alla Segreteria nazionale Opes Cinofilia;
• la possibilità di rilasciare, anche nel giorno stesso della gara, le tessere OPES almeno di tipo “A”; • la predisposizione di tutte le attività di carattere logistico di supporto alla manifestazione (individuazione aree di parcheggio, aree di sgambo, servizi igienici, disponibilità acqua per i cani, etc.);
• la disponibilità di un certo numeri di premi per ciascuna Categoria e Classe di partecipazione.

• Adeguamento a tutte le norme di sicurezza previste dalla legge.

Per il regolamento completo clicca qui

scegliere il campionato agility opes

OPES Cinofilia organizza e promuove il sano sport cinofilo nel rispetto dell‘etica sportiva e, attraverso l’agility, l’intesa ed il rapporto uomo-cane. OPES Cinofilia ha creato un Trofeo Nazionale con l’obiettivo di sviluppare un circuito regionale ad esso collegato. Si differenzia da altri circuiti nazionali per molti aspetti: uno di questi riguarda la costruzione di un percorso fuori classifica (simulazione di gara) dove il conduttore potrà scegliere di effettuare il giro come se fosse un normale allenamento, ma con tutte le condizioni della gara. Ciò permetterà di esercitarsi per risolvere alcuni problemi che si manifestano prevalentemente in gara e non in allenamento, utilizzando, ad esempio, il percorso per lavorare zone, partenza, stecche, per testare il terreno o semplicemente per abituare il binomio alla condizione di gara. In questo Trofeo vengono inseriti anche giochi, come il KO, Tunnel Cup e Staffetta, giochi solo con lo scopo di divertirsi, per ritornare a quello spirito goliardico e spensierato che ha caratterizzato l’inizio di questa disciplina, per far ripresentare un po’ di passato nel presente. Lo scopo di agility OPES è di far crescere i binomi a livello tecnico. A tale proposito vengono individuate diverse categorie: due dedicate ai ragazzi (Juniores 6-10 e 11-17 anni) ed una dedicata agli OVER (conduttori dai 55 anni in su) per mettere tutti nelle condizioni di eccellere nella propria categoria.

X